Karpathos è la seconda isola più estesa del Dodecanneso, dopo l’isola di Rodi, è situata sulla rotta marittima che collega l’isola di Creta a Rodi, la collocazione strategica rende l’isola di Karpathos un ponte naturale tra Creta e la Turchia.
Nella parte Nord dell’isola è presente anche una piccola isola chiamata Saria, che appartiene amministrativamente al comprensorio di Karpathos, Saria dista poche centinaia di metri dalla punta settentrionale dell’isola.
La varietà di scenari presenti sull’isola la rende unica.

Il vento “meltemia” che soffia costante sull’isola di Karpathos, l’ha resa una metà molto ambita da parte dei surfisti, che giungono in questa isola dai paesi di tutto il mondo, sia per la presenza costante della brezza, sia per la bellezza delle spiagge. Il paesaggio dell’isola cambia continuamente, passando da splendide spiagge bianche con mare color turchese, a verdi e lussureggianti boschi di montagna.
La varietà di scenari visitabili sull’isola di Karpathos la rendono unica, e sicuarmente un incontaminato luogo ancora lontano dal turismo di massa presente in altre isole greche.
Karphatos è facilmente raggiungibile, essendo dotata di un piccolo aeroporto, è collegata una volta al giorno con l’aeroporto di Atene. Chiaramente si può raggiungere l’isola anche con il traghetto, distando circa 500 km da Atene, le ore di viaggio dal porto del Pireo sono quasi 24.

I pochi turisti presenti, anche nel mese di Agosto rendono l’isola uno dei pochi scenari incontaminati ancora presenti nel mar mediterraneo. Un soggiorno sull’isola di almeno una settimana è consigliato a coloro che vogliono rilassarsi, i un mare splendido, con poche persone, gustando le specialità culinarie dell’isola.