Viaggio di una giovane coppia sull’isola di Karpathos ad Agosto 2009

12/08/2009
Arriviamo a Karpathos verso le 10:00 del mattino, siamo subito investiti dal caldo tipico della Grecia, ma qui a differenza di altre isole che abbiamo visitato in precedenza il caldo viene mitigato da un venticello costante e piacevole. L’aeroporto di Karpathos, non è gran cosa, ma svolge a dovere la sua funzione; quello che subito ci sorprende è la totale assenza di frotte di turisti. In poco tempo troviamo un gentile signore che dice di essere un “taxi” e ci accompagna presso la nostra struttura ad Amopi, per 5 €. Giunti in albergo visitiamo il paese di Amopi, veramente carino e caratteristico, tutto il paese è costruito in stile Greco, con casette bianche e basse e in qualsiasi punto volgi lo sguardo vedi bellissime piante di Bouganville.
Il Residence che abbiamo prenotato è caratteristico anch’esso, un piccolo edificio centrale e tante stanze tutte attorno, sempre in stile ellenico; Piscina con vista Egeo, e bar sulla piscina, insomma un paradiso! Infatti il primo giorno lo passiamo in piscina a prendere il sole e a toglierci lo stress da viaggio.
La sera scendiamo in paese e mangiamo una buonissima orata in una piccola taverna sul porticciolo, poi decidiamo di noleggiare un’auto che ci permetterà di visitare l’isola nei prossimi giorni e per 40€ al giorno affittiamo una piccola utilitaria.
13/08/2009
ci svegliamo di buon’ora e dopo un’abbondante colazione a buffet, “inforchiamo” la nostra auto e ci dirigiamo verso la bellissima spiaggia di Damatria, nella zona sud-est dell’isola, per quasi tutta la mattina siamo soli, solo dopo pranzo qualche avventuriero si spingerà a fare il bagno nel bellissimo mare antistante la spiaggia. Nonostante il caldo il clima è veramente ottimo, il sole è mitigato dal costante venticello, il fondale è strepitoso, e avvistiamo numerosi pesci (anche grossi) a pochi metri dalla riva. Nel primo pomeriggio sazi di sole (è il primo giorno effettivo sull’isola di Karpathos) decidiamo di raggiungere la capitale Pigadia, per un breve giro tra i negozietti, poi ritorno a casa doccia e cena nel residence.
14/08/2009
Oggi è il turno della spiaggia di Achata, la strada per raggiungerla è asfaltata ma piuttosto stretta, e senza guardrail quindi bisogna prestare notevole attenzione nella guida. Ma dopo una 20ina di minuti di guida raggiungiamo la bellissima spiaggia di Achata, ciottoli fini e bianchi, acqua turchese, io me ne sto distesa come una lucertola ad assorbire il fantastico sole della Grecia mentre Mauro si diverte un mondo a esplorare il mare antistante riuscendo a osservare anche diversi polipi che vivono nelle rocce antistanti la spiaggia. Pochissimi turisti anche qui; in totale in tutta la spiaggia non saremo stati più di una ventina. Alle 14 circa ci prendiamo una pausa e nella taverna che si affaccia sulla baia ci gustiamo una buonissima insalata di polipo (saranno stati quelli della spiaggia) innaffiata da un mezzo litro di bianco dell’isola. Verso le 5 decidiamo di far ritorno al nostro residence doccia e cena di pesce in una tavernetta graziosissima ad Amopi, con romantica passegiata digestiva.
15/08/2009
Oggi decidiamo di visitare la parte Ovest di Karpathos, quella più ventosa, partiamo presto e ci dirigiamo verso la bellissima baia di Lefkos, il tragitto è abbastanza lungo quasi 50 minuti ma ne vale veramente la pena.
A lefkos ci sono 4 piccole spiagge decidiamo per quella meno affollata (anche se comunque al massimo abbiamo visto 10 persone per spiaggia) la bellissima sabbia bianca contrasta con il turchese intenso del mare, sembr adi star ein paradiso, poca gente e mare stupendo! Dopo quasi 4 ore di sole ci sediamo in una piccola taverna a poca distanza dalla spiaggia e come al solito ordiniamo una buonissima insalata di polipo. Altre 2 ore di sole e torniamo al nostro residence per poi dirigerci la sera verso Pigadia dove mangeremo un’ottima orata per pochi euro vicino al porto.
16/08/2009
Dopo 4 giorni di sole è il momento di far riposare la nostra pelle 😉 cambio di mezzo diamo indietro la macchina e noleggiamo un enduro 125 e via verso il villaggio di Olympos. I primi 20 km sono di strada normale, poi gli ultimi 10 sono di sterrato, un incubo per me che siedo dietro a mio marito ma tutto sommato credo che la moto sia il mezzo più facile per raggiungere lo splendido paese di Olympos.
Dall’alto del paese si vede il mare, la scelta di costruire qui un paese è stata necessaria a causa dei continui attacchi nemici, e il pese sembra fermo a 50 anni fa, le vie sono vermaente strette e le signore del posto vendono in ogni dove i loro manufatti, cuoio, scarpe erbe, miele ecc. A olympos sono preseenti anche numerosi mulini a vento alcuni ancora funzionanti, in quelli ormai dismessi invece hanno ricavato delle taverne o piccoli negozietti. Dopo le 14 decidiamo di tornare verso il residence, e passiamo 3 ore nelal bella piscina con vista mare.
17/08/2009
Oggi è la volta di agios Nicholaos nel nord ovest di Karpathos, spiaggia di ciotoli bianchi molto fini e verament desera, fino alle 14 circa siamo stati soli, poi dopo pranzo qualche sparuto turista è arrivato. La spiaggia è veramente carina e spartana, non presenta strutture dove mangiare ma è l’ideale per godersi il penultimo giorno di permanenza nella fantastica isola di Karpathos.
Verso le tre partiamo per la spiaggia di Diakoftis, nel sud, qui il vento meltemia spira deciso ed è una manna per la nostra stanca pelle, il mare purtroppo risulta abbastanza mosso da permetterci solo una breve sguazzata. Ritorniamo in albergo sul nostro ormai inseparabile enduro e la sera gustiamo ad amopi in una piccola taverna una buonissima grigliata di pesce a crostacei a soli 35€.
.
18/08/2009
Ultimo giorno, purtroppo, ci svegliamo piuttosto tardi per i nostri standard,ancora forse inebriati dall’ottimo vino bianco che abbiamo accompagnato alla fantastica grigliata della sera precedente. Decidiamo di fare un giro a Pigadia per acquistare i classici souvenir da portare  a casa, prima però proprio nella capitale ci concediamo le ultime ore di sole egeo, la spiaggia di Pigadia è forse la più brutta e affollata di tutta l’isola. Per intenderci è sempre carina ma in confronto con le altre che abbiamo visto in questi giorni, vale sicuramente la pena muoversi un po’ per scoprire ciò che l’isola ha da offrire. Acquistiamo qualche prodotto da portare a casa e torniamo tristi in albergo con la consapevolezza che l’indomani si ripartirà!
19/08/2009
è sicuramente il giorno più triste, facciamo i bagagli e chiamiamo un “taxi” che ci trasporta in aeroporto, ci manca già Karpathos….!!!

conclusione

Se cercate un’isola dove il turismo ancora non è arrivato massiccio, prezzi ottimi, e un mare stupendo, non potete fare a meno di visitare la fantastica isola di Karpathos, credo che questa situazione non durerà all’infinito; appena i grandi tour operator si renderanno conto di che meravigliosa perla sia l’isola invaderanno massicciamente le più belle spiagge che abbia mai visto. Affrettatevi a visitarla perché nei prossimi anni difficilmente rimarrà tale.

Share This

Posso regalarti una Guida a Karpathos?

27 Pagine di Consigli utili scritti da chi a Karpathos ci abita da 6 anni!

 

no-button si-button